Ultima scheda inserita

MUGGIA (Ts). Il mitreo di Elleri.

… A riprova dell’importanza e forse della funzione sacra che il sito continua ad avere in età romana c’è la stele mitraica (ora al Museo Civico archeologico di Muggia), che considerazioni paleografiche della dedica riportano al II secolo d.c.; il suo rinvenimento in frammenti nella chiusura dell’accesso all’abitato fornisce il termine post quem grazie ad una moneta di Magnenzio.
La stele opistoglifa presentava su un lato il consueto sacrificio del toro, sull’altro il banchetto rituale di Mitra e il sole alla presenza degli iniziati, che, fatto piuttosto raro, erano caratterizzati nell’aspetto dal grado di iniziazione: in questo caso ci rimane il corvo, ben riconoscibile dalla testa d’uccello…
Rimane … da individuare il mitreo, che per la tipologia tipica di questo tipo di edifici sacri dovrebbe essere, almeno parzialmente, scavato nella collina, e, se ancora esistente, nascosto da rovine…

Fonte: Il_castelliere_di_Elleri_Un_progetto_di valorizzazione, di Franca Maselli Scotti, Fabiana Pieri, Paola Ventura.
Dopo una sintesi delle campagne di ricerca che si sono svolte sul castelliere di elleri a partire dalla fine dell’ottocento fino alle indagini più recenti, sono sommariamente illustrate le sue principali fasi, con continuità di vita dall’età del bronzo all’epoca romana medio-imperiale, riservando particolare attenzione alle forme dell’insediamento ed alle vie di accesso.
Da queste premesse infatti ha preso avvio nel 2004 il progetto di valorizzazione dell’area a cura del comune di Muggia d’intesa con la soprintendenza per i beni archeologici del Friuli Venezia Giulia: si dà quindi conto degli interventi già attuati, volti a rendere meglio accessibile e comprensibile il sito archeologico; viene poi presentato il progetto del secondo lotto, di prossima realizzazione, che prevede l’ampliamento dell’area visitabile, inserendo nel percorso di visita anche la necropoli di s. barbara.
In parallelo saranno condotte ulteriori verifiche sul terreno, mirate all’approfondimento di alcuni punti nodali ancora in parte irrisolti, integrate da studi ed analisi per una migliore conoscenza globale del sito.